Crocchette di riso e ceci

Originari del Medio Oriente, i ceci sono i legumi più coltivati al mondo. E a mio parere anche i più buoni. I ceci secchi sono un po’ laboriosi da cucinare poiché richiedono un ammollo molto lungo (dalle 8 alle 24 h) e di una cottura di almeno tre ore. Per questo motivo molti scelgono i ceci in scatola già lessati che perdono però in sapore e in valore nutritivo. L’uso della pentola a pressione che dimezza i tempi di cottura, può allora essere un buon compromesso per gustare più spesso questi gustosi legumi. Questa ricetta parte dalla quantità di legumi già cotta. Poiché nell’ammollo raddoppiano il peso e il volume, partendo dai ceci secchi bisogna calcolare la metà del peso.

Ingredienti

  • 500 g di ceci cotti
  • 250 g di riso cotto (raffreddato)
  • 1 cipolla bianca grande
  • 50 g semi di sesamo
  • olio e.v.o.
  • sale q.b.
  • prezzemolo
  • pane grattato
  • 1 tuorlo d’uovo (facoltativo)

Passiamo nel passaverdure i ceci cotti, ottenendo così una pasta morbida ma compatta.  Laviamo bene il sesamo e lasciamolo scolare per qualche minuto in un colino, dopodiché facciamolo asciugare e tostare in una padella antiaderente a fuoco basso. Sarà pronto quando comincia a scoppiettare.

Prendiamo una parte del sesamo (circa la metà) e frulliamola con un macinino.  Tagliamo finemente la cipolla e lasciamola soffriggere per qualche minuto con olio extravergine di oliva. Aggiungiamo il riso cotto sgranandolo con una forchetta (poiché raffreddandosi, si sarà un po’ agglomerato), continuando a mescolare. Aggiungiamo il prezzemolo lavato e tritato e la crema di ceci. La consistenza di questo impasto risulterà un po’ densa, quindi aiutiamoci con il mestolo fino a ottenere un impasto omogeneo. Aggiungiamo il sesamo tritato, un cucchiaio d’olio e il sale. Amalgamiamo il tutto. Ora non ci resta che lasciar raffreddare il preparato per le nostre crocchette. Nel frattempo ungiamo una teglia e sbattiamo un rosso d’uovo in un recipiente con un po’ di sale. Mettiamo abbondate pane grattato in una scodella mescolandolo con il sesamo rimanente.

Formiamo le crocchette con l’impasto di riso e ceci facendo delle palline con le mani. Passiamo ciascuna pallina prima velocemente nel tuorlo d’uovo e poi accuratamente nel pane grattato.  Il passaggio nel tuorlo d’uovo può essere tranquillamente saltato dai vegani, visto che io stessa ne faccio spesso a meno. Il risultato finale sarà comunque gustoso anche se meno croccante e compatto. Disponiamo quindi le nostre crocchette nella teglia e inforniamo a 180° per 30 min, girandole a metà cottura. Bon appetit!

Un consiglio: io ne preparo una quantità maggiore di quelle che andrò a consumare nell’immediato e una volta cotte le congelo. Sono un’ottima risorsa quando non si ha il tempo di cucinare. Si possono scongelare qualche ora prima o direttamente nel forno.

Un delizioso piatto unico estivo: Pomodori ripieni di riso.

In estate il pomodoro è un classico delle nostre tavole. Quest’alimento contiene minerali e oligoelementi (potassio, fosforo e magnesio) e di una considerevole quantità di vitamine C, A e B. È un alimento leggero (costituito al 94% di acqua), mineralizzante, dissetante e ricco di sapore. Il pomodoro appartiene alla famiglia delle solanacee (così come le patate, i peperoni e le melanzane) e com’è noto, è originario del Centro-Sud America. Nella dieta macrobiotica però, è considerato un elemento yang, che acidifica il sangue, e per questo andrebbe evitato o al limite bilanciato con altri alimenti yin. Siamo in Italia e le nostre abitudini e tradizioni ci rendono in pratica impossibile non mangiare i pomodori. Il consiglio resta comunque di consumarne moderatamente ed evitarne l’utilizzo fuori stagione. Chiarito quest’aspetto: evviva il pomodoro! Vi propongo una ricetta tipica del Lazio e per cui la sottoscritta impazzisce letteralmente: i pomodori ripieni di riso. E’ una ricetta semplice ma che da tante soddisfazioni. Bisogna soltanto fare attenzione ad alcune operazioni.

                                                                Ingredienti:

  • 12 pomodori ramati grandi
  • riso arborio o carnaroli (1 cucchiaio colmo per ogni pomodoro + 2)
  • basilico
  • prezzemolo
  • origano
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 cipolla bianca piccola
  • 1 mozzarella piccola
  • sale q.b.
  • olio e.v.o.

Procedimento:

Tagliare la parte superiore dei pomodori formando dei dischi, che costituiranno in seguito i nostri “coperchi”. Svuotarne delicatamente il contenuto in un recipiente e unire gli altri ingredienti, il sale e un cucchiaio d’olio e.v.o.. Frullare il tutto con un mixer e mettere in ammollo il riso in questo composto. Salare l’interno dei pomodori svuotati e metterli capovolti a scolare l’acqua così da evitare che i nostri pomodori vengano troppo morbidi e si rompano. Dopo 1h- 1h e ½, una volta che il riso si è ammorbidito, riempire con il composto i pomodori, senza farne fuoriuscire il contenuto. Inserire un cubetto di mozzarella e chiudere con la parte superiore del pomodoro tagliata in precedenza. Ungere con un po’ di olio una teglia con i bordi alti e disporvi i pomodori. Versare un filo d’olio sopra i pomodori e infornare a 200° per 1h circa. Vi accorgerete quando sono pronti perché i pomodori si devono leggermente brunire. Servite tiepidi o freddi.                                             P.S.Il giorno dopo sono una meraviglia!